Videocomunicato – Svelate le 262 opere della Mostra Concorso

61° mostra concorso 2Ci sono i gilet con tasche in pelle e cuoio, la bomboniera fatta con la canapa di Champorcher, la conocchia con il legno intagliato o ancora la struttura per catino e brocca in ferro battuto. Sono questi alcuni dei manufatti che potranno essere ammirati nell’ambito della 61esima Mostra concorso dell’artigianato di tradizione, inaugurata venerdì 25 luglio. Fino al 2 agosto le 262 opere che hanno preso parte al concorso, saranno in mostra nella tensostruttura allestita in piazza Chanoux.

Pierluigi Marquis, Assessore regionale alle attività produttive

Diamo il via, oggi, a un evento importante che fa parte del programma estivo delle manifestazioni dedite alla valorizzazione dell’artigianato e di tradizione. Siamo nel centro della città e questa è la migliore dimostrazione dell’attenzione che viene posta a questa iniziativa. Un’iniziativa in cui si sono cimentati tutti gli artigiani che hanno presentato il loro lavoro, frutto di una ricerca mirata svolta su temi che vengono individuati da una commissione preposta e poi da una giuria che valuta le opere.

A precedere il taglio del nastro, accompagnato dalle note della Banda municipale di Aosta, è stata la premiazione dei partecipanti. Nella categoria Accessori in pelle e cuoio, il cui tema era il gilet con tasche, il primo premio è andato a Daniella Bertola. Con il portacarico, nella sezione attrezzi per l’agricoltura, è stato premiato Lorenzo Di Centa mentre con la bomboniera realizzata in canapa di Champorcher, Felicina Colliard.

Piero Enrietti ha conquistato la giuria con la miniatura del Teatro Romano. Nella categoria Costumi tradizionali con il tema “Marguerite de Courmayeur au Duché d’Aoste” è stata invece premiata Soccorsa Milione.

Soccorsa Milione, artigiana

Per la ricerca vado in biblioteca, guardo tutti i volumi che ci sono sui prodotti tradizionali della Valle d’Aosta e da lì poi vado avanti. Bisogna fare tutto a mano, tessuti pregiati di Valgrisenche, il lino di Champorcher, tante cose che ci vogliono per poter fare un abito di questo genere.

Tra gli altri premiati figurano nell’intaglio decorativo con il tema della conocchia Giovanni Verducci, nel ferro battuto con tema la struttura per catino e brocca, Fabrizio Lucia e negli oggetti torniti con il mortaio con pestello Rudy Mehr. Il tema assegnato alla scultura – “Eclat de rire” – ha visto invece primeggiare Dario Berlier nel bassorilievo e nel tuttotondo, Giangiuseppe Barmasse. Infine il  “Premio speciale”, destinato a un’opera di particolare rilievo e interesse, è stato attribuito a Cesarino Bonin per la realizzazione di un porta carico speciale per apicoltore.

Dopo la mostra concorso la tensostruttura di piazza Chanoux tornerà ad animarsi dal 7 agosto con l’Atelier e i suoi 63 professionisti.

Su di me Pierluigi Marquis

Pierluigi Marquis
Ho iniziato il mio impegno politico-amministrativo al Comune di St. Vincent, dove sono stato Assessore dal 1995 al 2003, e Vicesindaco dal 2003 al 2010. Dal 2010 al 2013 sono stato nuovamente eletto Assessore comunale a St. Vincent nonché Presidente della Comunità montana Monte Cervino.

Guarda anche

Presentazione del manifesto della 47a Foire d’été

Aosta,venerdì 19 giugno 2015 E’ un giovane valdostano il vincitore del Manifesto Foire d’été 2015 L’Assessore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *