Il gioco d’azzardo, una debolezza grave nella funzione statale

Nel suo discorso di fine anno, il cardinale Angelo Bagnasco ha fatto molto bene a segnalare come lo Stato favorisca il gioco d’azzardo invece di contenerlo, lucrando sulle fasce più deboli, sulle famiglie. Il fatturato di 88 miliardi all’anno, fosse anche per compensare il debito pubblico, non è giustificabile, perché il gioco d’azzardo è contro le persone: “è studiato per far perdere”, è una droga strombazzata dalla pubblicità, che produce nuove povertà, una vera malattia sociale ed economica. E’ una piaga diffusa nelle famiglie, nelle campagne, e anche nella nostra Valle.

Lo Stato che promuove il gioco d’azzardo e che l’ha lasciato sviluppare sino a questi livelli non è orientato al bene pubblico, ma alle proprie casse e ai propri interessi, non fa l’interesse dei cittadini, non protegge i più deboli, ma pensa soltanto alla propria contabilità. Bisogna allora ritornare alla funzione di governo nell’interesse di tutti, richiamare con forza i principi sanciti nella prima parte della Costituzione.

Si tratta di un problema che merita una nuova riflessione anche nella nostra Regione. Gli strumenti che abbiamo istituito costituiscono palliativi che non intaccano la sostanza del problema, che non riducono in modo significativo il numero delle persone coinvolte, e generano soltanto conflitti tra esercenti e gruppi di pressione.

Il problema non deve essere curato nei sintomi, cioè sui risultati finali di questo “lasciar andare” e di questa interessata negligenza, ma va affrontato nella parte più importante e centrale, cioè agendo sulla natura stessa del compito dell’amministrazione pubblica e della politica, che deve tornare a pensare e agire nell’interesse di tutti.

Su di me Pierluigi Marquis

Pierluigi Marquis
Ho iniziato il mio impegno politico-amministrativo al Comune di St. Vincent, dove sono stato Assessore dal 1995 al 2003, e Vicesindaco dal 2003 al 2010. Dal 2010 al 2013 sono stato nuovamente eletto Assessore comunale a St. Vincent nonché Presidente della Comunità montana Monte Cervino.

Guarda anche

Casa da gioco: una sveglia, altro che transizione morbida

Con la vita difficile che fanno imprese, cittadini e l’insieme della Valle d’Aosta, sentir parlare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *